Soccorso Clown ONLUS

L’obiettivo primario delle attività previste dall’Unità Nazionale di Soccorso Clown è agevolare le terapie, rendendole più efficaci mediante l’intervento mirato di professionisti dello spettacolo appositamente selezionati e formati a ridurre lo stress da paura e da sofferenza, a circoscrivere il dolore e a limitare il fabbisogno di farmaci, affiancandosi con metodologie sperimentate allo staff medico e infermieristico, rendendo la degenza ospedaliera più sopportabile e a misura di bambino, contribuendo così significativamente al traguardo della guarigione.Migliorando la qualità della vita del bambino migliora di conseguenza quella di tutta la comunità.

Come opera Soccorso Clown
A seconda dell’ampiezza dell’ospedale e del reparto Soccorso Clown lavora sia con il singolo bambino (rapporto faccia a faccia), che con diversi bambini riuniti in tutti i luoghi dell’ospedale che lo consentano, ricorrendo a tecniche e a un repertorio mirati e sempre tenendo nel dovuto conto sia il luogo dove si sta operando che le diverse condizioni di ogni singolo bambino, mai tralasciando di occuparsi sia delle famiglie dei pazienti che dello staff ospedaliero. Soccorso Clown offre, inoltre, interventi specializzati per i lungo degenti e un particolare genere di sostegno ai diversi componenti della famiglia del malato, favorendo le relazioni tra il bambino e il genitore e tra questi e la struttura ospedaliera.

Lo standard operativo
Soccorso Clown ha formulato i criteri fondamentali che gli hanno permesso di individuare lo standard qualitativo indispensabile per operare nel ruolo di clown ospedaliero. La sua attività in seno all’ospedale deriva direttamente dai modelli operativi da tempo diffusamente sperimentati dell’Unità Sanitaria di Clown (Clown Care Unit) del Big Apple Circus di New York, la guida e il faro per questo mestiere in tutto il mondo.

Fino a oggi, e sempre con successo costante, Soccorso Clown è riuscito a prestare il proprio servizio in molti ospedali italiani ed esteri, quali:

  • il Bambino Gesù
  • il Policlinico Gemelli e il Policlinico Umberto I di Roma
  • l’Ospedale Meyer di Firenze
  • il Policlinico Le Scotte di Siena
  • ASL4 di Prato
  • Residenza per anziani “La Chiocciola” di Firenze.
  • l’Ospedale Santobono di Napoli
  • il Policlinico di Modena
  • l’Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo
  • Gli Istituti Ospitalieri di Cremona
  • l’Ospedale San Giuseppe di Marino (Roma)
  • Ospedale di Foggia
  • Centro per disabili fisici e mentali di Manfredonia
  • Ospedale ASL1 di Massa
  • Ospedale Pasquinucci Massa – Fondazione Toscana Gabriele Monasterio
  • il “Centro Oncologico Blochin, il Centro di Radiografia Pediatrica, il Centro Endocrinologico; il Centro Neurochirurgico Burdenko di Mosca (Federazione Russa).

Come sostenere Soccorso Clown
Il  vostro contributo è importantissimo, può regalare concretamente ai bambini ricoverati in ospedale un momento di gioia accelerando così il processo della guarigione e assistendoli nella lotta combattuta contro la malattia.

Donazione tramite carta di credito:
http://www.soccorsoclown.it/it/sostieni-soccorso-clown/

Bollettino postale:
Bollettino di conto corrente postale n° 40844086
intestato a: Soccorso Clown S.C.S. ONLUS

Bonifico Bancario:
intestato a Soccorso Clown Onlus
IBAN: IT 52 T 01030 02803 000001474643

Importante! la tua donazione è deducibile.

Soccorso Clown è una ONLUS (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale).
Ai sensi dell’Art.13 del Decreto Legislativo 4/12/97, ogni donazione a suo favore è deducibile nella dichiarazione dei redditi nella misura del 19% calcolato su un importo massimo di € 2.065,83 oppure, a scelta dell’imprenditore, sino al 2% del reddito di impresa dichiarato (Art.65, comma 2, let. C-sexies, Dpr n.917/86).

Conserva quindi la ricevuta del tuo versamento, potrai effettuare così la deduzione nella prossima dichiarazione dei redditi.

Inoltre quando fai una donazione, ricorda sempre di indicare nome, cognome, indirizzo e numero civico, cap., città e provincia; solo così potremo tenerti aggiornato sulle nostre attività e sull’utilizzo che facciamo dei fondi.