Capitano_Loc

Capitano, oh mio capitano!

Venerdì 19 gennaio • ore 20.30
sabato 20 gennaio • ore 21

domenica 21 gennaio • ore 18

PRENOTAZIONI: 334 1598407 (anche SMS)
Si prega di arrivare quindici minuti in anticipo

Scritto e diretto da
MASSIMO MACCHIAVELLI

Con
LUCA COMASTRI
ROLANDO GIANICOLA
VITTORIO FULGONI

FRATERNAL COMPAGNIA

• La storia

Lo spettacolo traccia la storia di uno dei personaggi più antichi adottato poi dalla commedia dell’Arte; il militare vanaglorioso altrimenti detto: il Capitano. Ne abbiamo immaginato la nascita nella preistoria è nata prima la guerra o il guerriero Capitan Herectus non ha dubbi , lui ha inventato la guerra. I Capitani di Plauto sono sicuramente alla base di quelli della Commedia, ce lo mostrano Virgopolinice e il suo servo Artotrogo, gettando le basi di un rapporto che durerà nei secoli. La grande rivalità degli attori di Commedia è ben rappresentata da Francesco Andreini (Capitan Spaventa) e Tiberio Fiorillo (Capitan Matamoros) che, in questo spettacolo, risolvono le loro questioni una volta per tutte. Come non citare Don Chisciotte e il suo Sancho Panza in un esilarante scena dove un dottore in panni femminili farà Cavaliere Don Chisciotte e l’unico a guadagnarci sarà il buon Sancho. La morte di Scaramuccia e il suo innamoramento per la Luna vengono disturbate da Capitan Tempesta e Matamoros ,i tre risolveranno il tutto con un triplice duello di grande virtuosismo. I capitani teatrali si sono trasferiti nella realtà ed ecco quindi Trump e Putin ripercorrere le gesta della finzione teatrale nella realtà politica quotidiana. Il Dottor Balanzone e Pulcinella ci accompagnano in questo viaggio e ci regalano una morale tutta politica.

• Note di Regia

Capitano oh mio capitano lancia un ipotesi terribile, un tempo le fanfaronate, i duelli, le morti avvenivano sul palcoscenico ed erano affidate a personaggi sopra le righe, grotteschi, oggi gli stessi personaggi sono scesi dal palco e, mantenendo le stesse caratteristiche, si sono impadroniti dei parlamenti, delle poltrone presidenziali e i loro morti e le loro fanfaronate sono diventate reali. Un pretesto metaforico realistico per raccontare uno dei personaggi più rappresentativi della Commedia e non solo. Tirate, duelli, comicità e dramma, grottesco e surreale rendono questo spettacolo un percorso attraverso le diverse epoche storiche, raccontando la storia dei Capitani e dei loro interpreti, usando diversi generi teatrali e donandoci virtuosismi di spada di canto e di alta recitazione. Un racconto che ha entusiasmato il pubblico portandolo a conoscere i grandi personaggi della storia del teatro italiano e a confermarne l’immortalità e la modernità.

• FRATERNAL COMPAGNIA

FraternalCompagnia prende nome e ispirazione dalla più antica compagnia italiana di cui sia stato ritrovato l’atto pubblico di costituzione; il documento ritrovato segna simbolicamente l’inizio del teatro professionale, ossia la Commedia dell’Arte, laddove il termine “arte” derivava da “artigiano” colui che compie un “mestiere”.

La Compagnia sin dalla costituzione nel 2000 si è proposta quale Artigiana di Commedia, occupandosi altresì di  Teatro Sociale.

www.fraternalcompagnia.it

CENTRO CULTURALE ARTEMIA
Via Amilcare Cucchini, 38 Roma
(Zona Portuense Forlanini)